Progesterone


Il progesterone è un ormone steroideo che costituisce il precursore sia del cortisolo che dell'aldosterone che degli altri ormoni sessuali; e' infatti il crocevia delle vie metaboliche che, partendo da una molecola originaria di colesterolo, giungono alla sintesi degli steroidi corticosurrenalici, testicolari ed ovarici. Ovviamente il progesterone possiede una propria attività endocrina venendo prodotto in quanto tale dall'ovaio, si tratta pertanto di un ormone che viene sintetizzato da tutte le ghiandole endocrine producenti steroidi ma è secreto solo dal corpo luteo. Durante il ciclo ovulatorio il follicolo produce principalmente estradiolo sotto l'influsso dell'FSH ma dopo il picco di LH e la conseguente ovulazione avviene la luteinizzazione del follicolo che, detto corpo luteo, produce principalmente progesterone.
Altro organo presupposto alla sintesi del progesterone è la placenta essendo il progesterone fondamentale per l'insorgere ed il mantenimento della gravidanza. Nella donna non in gravidanza il progesterone determina la modifica strutturale dell'endometrio rendendolo adeguato all'impianto embrionario. Il mantenimento dei livelli del progesterone dipende dall'LH nella fase post ovulatoria e dalla beta HCG in gravidanza. Se non insorge la gravidanza il corpo luteo dopo circa 14 giorni dall'ovulazione perde la sua capacità di produrre progesterone ed il conseguente abbassamento ormonale determina la mestruazione.
Altri effetti del progesterone sono soprattutto a livello mammario dove determina la differenziazione e la proliferazione della ghiandola, a livello ipofisario dove inibisce la secrezione di LH e a livello sistemico dove accanto a fenomeni anabolizzanti induce anche aumento della temperatura basale. L'uso diagnostico del progesterone è particolarmente indicato nella valutazione dell'ovulazione e nelle prime fasi di gravidanza; E' inoltre utilizzato nel monitoraggio dei cicli indotti per tecniche di fecondazione in vitro.